Gli host di Roma visitano Amatrice, a sostegno della comunità colpita dal terremoto

Un gruppo di host dell’Home Sharing Club di Roma ha fatto visita ad Amatrice, il borgo duramente colpito, lo scorso anno, da un terremoto.

Gli host hanno visitato i piccoli commercianti del posto, portando il loro sostegno e acquistando prodotti tipici.

Nel borgo laziale, dove è nato il celebre piatto della pasta all’amatriciana, è possibile trovare prodotti come il guanciale, le lenticchie, le castagne, i formaggi e il miele. Gli host hanno anche partecipato all’inaugurazione di un negozio di ceramiche, che riapriva dopo il terremoto.

Per pranzo si sono recati presso Area Food, un villaggio con otto ristoranti concepito, dallo studio Stefano Boeri Architetti, come nuova agorà per Amatrice, un luogo di ripartenza per rinsaldare il senso di comunità.

Hanno pranzato a “Il Castagneto”, dove hanno assaggiato la famosa amatriciana e hanno conosciuto il signor Luigi e il nipotino Christian, che inviteranno presto a Roma.

Gli host chiamano a raccolta tutta la community italiana di Airbnb a sostenere l’economia locale del borgo e vogliono far conoscere Amatrice ai viaggiatori che visitano il territorio laziale.

“Amatrice ha bisogno del sostegno di tutti. Nella nostra visita il senso di desolazione per la distruzione avvenuta nel borgo è stato scaldato dai sorrisi delle persone che abbiamo incontrato e che ci hanno accolti con affetto. Vogliamo, come comunità di host, dare seguito a questa prima iniziativa, per far sentire in modo tangibile e continuativo il nostro sostegno e solidarietà”, ha detto una delle host, Antonella.

 

Segnaliamo che visitando il sito del Comune di Amatrice è possibile aderire alla raccolta fondi a sostegno della ricostruzione del paese.