COME FUNZIONA AIRBNB

English | Català | 繁體中文 | Français | Deutsch | 한국어 | Español

Sei interessato a ospitare o a viaggiare con Airbnb? Allora devi assolutamente leggere qui sotto. In alternativa puoi iscriverti ed affittare il tuo alloggio o creare un profilo per pianificare la tua prossima avventura.

Le nostre origini. Airbnb è stata fondata nel 2008 da due designer con un affitto da pagare e spazio in più da affittare, e da tre viaggiatori alla ricerca di una sistemazione economica. Oggi Airbnb conta oltre 2 milioni di annunci attivi disponibili in 191 Paesi, in più di 34.000 città.* Gli host e gli ospiti scelgono di creare degli account su Airbnb per poter pubblicare un annuncio e prenotare alloggi unici ovunque nel mondo.

La nostra piattaforma. Dalla nascita di Airbnb nel 2008, gli arrivi degli ospiti negli alloggi Airbnb sono stati oltre 100 milioni. Airbnb dispone di un sistema di messaggi che permette a host e ospiti di comunicare e organizzarsi, nonché di una piattaforma sicura per inviare e ricevere i pagamenti. Inoltre forniamo un’assistenza telefonica per gli ospiti e dei team per un supporto approfondito in alcune città.

Standard e procedure. Ogni community li ha, e Airbnb non è da meno. Le procedure e gli standard sono stati creati per contribuire alla sicurezza della nostra community e per aiutare tutti i nostri utenti a viaggiare e a ospitare senza problemi:

  • Procedura di Identificazione: per una maggiore trasparenza, gli host possono richiedere agli ospiti un documento d’identità. Abbiamo creato anche una procedura di Identificazione che consente di collegare il proprio profilo di Airbnb a un documento – come la patente o il passaporto – e a un profilo online come quello di Facebook o di Linkedin.
  • Profili e recensioni: gli ospiti e gli host scrivono recensioni accurate e veritiere per fornire un feedback tempestivo su ogni soggiorno e aiutare così i futuri ospiti e host a prendere delle decisioni consapevoli.
  • Assistenza e tutela: nella rara eventualità in cui si verifichi un problema, noi ci siamo. Se un ospite o un host ha una difficoltà, può contattare il nostro team Assistenza Clienti, composto da 250 persone disponibili a risolvere ogni questione giorno e notte, ovunque nel mondo. Inoltre offriamo ai nostri host due programmi diversi, ovvero la Protezione Assicurativa Host e la Garanzia Host di 800.000 Euro, per proteggerli in caso di lesioni fisiche o danni alla proprietà. Un altro chiaro esempio dei nostri continui sforzi è la nostra politica di non discriminazione, ora più forte e dettagliata grazie a una formazione volontaria per gli host specifica per la lotta contro i pregiudizi e un Impegno della Community che tutti gli utenti di Airbnb devono sottoscrivere.

Pagamenti sicuri. Gli ospiti pagano attraverso Airbnb quando prenotano un alloggio, mentre gli host ricevono il pagamento, sempre attraverso la nostra piattaforma, 24 ore dopo il check-in. Occupandoci di tutte le transazioni, l’unica cosa che i nostri utenti devono fare è salutare quando arrivano.

Ospitare secondo le proprie condizioni. Gli host impostano i prezzi che desiderano e trattengono tutti i guadagni eccetto una piccola percentuale che pagano per la condivisione dell’alloggio e che viene scalata dal prezzo pagato dagli ospiti. Una volta iscritti, gli host accedono direttamente a degli strumenti che li aiutano a scegliere i prezzi giusti in base alle tendenze di viaggio e agli annunci simili. Inoltre incoraggiamo gli host ad informarsi sulle leggi locali vigenti prima di pubblicare un annuncio su Airbnb, come ad esempio quelle relative ai requisiti di registrazione oppure ai limiti riguardanti la durata dei soggiorni.

Rispettare la proprietà. Nonostante la nostra crescita, i danni alla proprietà che riguardano gli alloggi di Airbnb sono estremamente rari. Degli oltre 40 milioni di check-in effettuati nel mondo nel 2015, sono stati riportati solo 1.010 casi di gravi danni alla proprietà (reclami che sono stati poi rimborsati attraverso la nostra Garanzia Host per oltre 1.000 USD), che equivale approssimativamente a 1 check-in su 41.000, pari allo 0,002 percento dei check-in totali.

Rispettare la privacy. La nostra priorità principale è quella di garantire la sicurezza della nostra community. Questo significa collaborare con le forze dell’ordine in caso di necessità e fare il possibile per proteggere la privacy e i dati personali dei nostri utenti di modo che possano avere fiducia nel nostro operato.

Un aiuto in prima linea. I nostri host non smettono mai di stupirci con nuove idee per far sentire a casa i propri ospiti. Quando decidono di aprire le porte delle loro case gratuitamente, in caso di emergenza o catastrofe naturale, ci rendiamo conto che non smetteremo mai di imparare da loro. Dall’uragano Matthew a Sandy, dagli incendi nella provincia dell’Alberta in Canada al terremoto di Kumamoto in Giappone e durante le alluvioni in Francia e in Louisiana, gli host di Airbnb si sono resi subito disponibili per assistere i superstiti, le loro famiglie e il personale umanitario e alleviare la loro preoccupazione di dover trovare una sistemazione temporanea a pagamento. Airbnb comunica l’emergenza agli host della zona colpita e annulla tutti i costi aggiuntivi.

*Dati Airbnb di giugno 2016.