Moving Forwards in Milan

A few weeks ago, I shared news from Italy where Milan and the Lombardy region approved new rules that confirm local residents can share their homes. These rules also laid the foundation for future collaboration between Airbnb and local cities in Lombardy on measures to support people who share their homes to pay the bills.

Today, we are pleased to announce new steps in our partnership with the City of Milan. Speaking at the Future of Cities conference in Milan today, we announced a series of new measures that we will implement together over the coming year.

Together with the City of Milan, we will:

Support big events – Airbnb has a long history of supporting big events – helping cities accommodate large numbers of visitors without a single brick being laid. For the City of Milan, events like the Expo 2015, Design Week or Milan Fashion Week are great economic development opportunities. Following the success of our partnership during the Milan Expo, we will partner with the City of Milan to help host other big events and democratise the economic benefits of these events for local residents.

Increase digital literacy – We will work with the City of Milan to help seniors access new opportunities online and learn basic internet literacy. We already know that around 1 million Airbnb users around the world are over 60 – around 10 percent of our community – and that home sharing is empowering them to meet new people and earn a little extra money to pay the bills. We will work together with the City of Milan to explore new ways we can leverage our community and technology to help more seniors get online and access new opportunities.

Measure the positive impacts of home sharing – We want to be good partners to policy makers in Milan and support them with meaningful data on our community and the benefits it brings. We are today announcing the start of a country-wide economic impact study, which will look at the positive impact of the Airbnb community on Italy, including local communities, businesses, and the tourism industry.

Speaking at the Future of Cities conference today, Cristina Tajani, Milan Counsellor for Labour Policy and Economic Development, said:

“Thanks to this collaboration with Airbnb, we can work together to find effective measures to support new trends in hospitality, which is a big part of the sharing economy. We’ll also work together on new social responsibility projects like digital literacy for seniors.

“We want to make Milan a more innovative and inclusive place to live, and this partnership is a crucial step in achieving that.”

We are look forward to continuing our work with the City of Milan to spread the economic benefits of home sharing to more families, communities and local businesses across the city.

Un passo importante per Milano

Poche settimane fa ho condiviso un aggiornamento dall’Italia, dove Milano e la Regione Lombardia hanno recentemente approvato le nuove regole che confermano che i residenti possono condividere le loro case. Queste regole inoltre hanno messo le basi per una futura collaborazione tra Airbnb e le città lombarde su ulteriori misure volte a supportare le persone che condividono le loro case per pagare le bollette. Oggi siamo felici di annunciare nuovi importanti passi in avanti nella nostra collaborazione con la città di Milano.

Intervenendo alla Collaborative Week a Milano, oggi, abbiamo annunciato una serie di misure che implementeremo insieme nel corso del prossimo anno.

Lavoreremo insieme alla città di Milano per:

Supportare la città in occasione di grandi eventi – Airbnb ha una lunga tradizione di supporto alle città in occasione di grandi eventi, aiutandole ad accoglierle un grande numero di visitatori senza la necessità di posare un singolo mattone. Per la città di Milano, eventi come l’Expo 2015, la Design Week o la settimana della moda rappresentano grandi opportunità di sviluppo economico. Dopo il successo della nostra partnership durante l’Expo di Milano, collaboreremo con il Comune di Milano per aiutare la città ad ospitare altri grandi eventi e a democratizzarne i benefici economici per i residenti locali.

Migliorare l’alfabetizzazione digitale – Lavoreremo con la città di Milano per aiutare i più anziani ad accedere a nuove opportunità online e ad acquisire un utilizzo basilare della rete. Sappiamo che circa 1 milione di utenti Airbnb in tutto il mondo ha più di 60 anni – si tratta del 10 per cento di tutta la nostra community e che l’home sharing consente loro di incontrare nuove persone ed avere un guadagno extra per sostenere le proprie spese di tutti i giorni. Lavoreremo con la città di Milano, la nostra community e la nostra tecnologia per aiutare queste persone ad entrare nel mondo di internet ed accedere a tante nuove opportunità.

Misurare gli effetti positivi del home sharing – Vogliamo essere buoni partner per Milano e offrire dati significativi sulla nostra community e sui vantaggi che porta. Annunciamo oggi l’avvio di uno studio sull’impatto economico a livello nazionale, che esaminerà gli effetti positivi della community Airbnb in Italia, comprese le comunità locali, le imprese e l’industria del settore turistico.

L’annuncio è stato dato oggi da Cristina Tajani, Assessore del Comune di Milano durante la conferenza Milano Sharing City: le città del futuro.

“Grazie a questa collaborazione con Airbnb – ha commentato l’assessore alle Politiche per il Lavoro e lo Sviluppo economico Cristina Tajani – potremo individuare gli strumenti più efficaci e idonei per governare nuove forme di accoglienza, che rientrano nel fenomeno più ampio dell’economia condivisa, ma anche avviare progetti di utilità sociale come l’alfabetizzazione digitale per i cittadini più anziani. Milano si conferma come il territorio migliore dove confrontarsi su nuove regole, esperienze e servizi”. “Siamo felici che la nostra città si confermi sensibile nel cogliere anticipatamente le tendenze e cambiamenti anche in un settore complesso come quello dell’accoglienza – ha concluso l’assessore Tajani -. Questo accordo è un altro importante tassello del progetto che l’Amministrazione sta portando avanti, per rendere Milano sempre più innovativa e inclusiva”.

Guardiamo avanti per continuare il nostro lavoro con il Comune di Milano per diffondere i benefici economici dell’home sharing ad un numero maggiore di famiglie, comunità e imprese locali in tutta la città.